11/01/16

Liberare il nasino chiuso del neonato

Bambino nasino chiuso

Il problema del nasino chiuso nei neonati e, più in generale, nei bambini che ancora non hanno imparato a soffiare il naso, deve essere affrontato con attenzione per il benessere dei più piccini ma anche per evitare che possa degenerare e portare, per esempio, a un’otite.

In commercio esistono aspiratori nasali come quelli della Chicco o Narhinel, cannule apposite che, inserite nella narice, dopo aver instillato alcune gocce di acqua fisiologica, permettono l’aspirazione del muco da parte dei genitori. Il muco passa quindi attraverso un filtro e si può aspirare già una seconda volta, se necessario.

L’alternativa a questi “apparecchi”, sono le classiche perette per bambini, da lavare molto bene dopo l’uso; basta schiacciare la peretta prima di introdurla nella narice, in questo modo tutta l’aria fuoriuscirà quindi, introdurre delicatamente la cannula nel nasino e rilasciare lentamente per aspirare il muco. In questo caso non è possibile ripetere immediatamente, è necessario infatti svuotare.

Esistono poi altri metodi attraverso cui cercare di far fuoriuscire il muco da naso; il primo consiste nel praticare (anche quotidianamente, per evitare che il muco si fermi nelle narici) dei lavaggi nasali con acqua salina, termale o fisiologica; è possibile acquistare flaconcini di fisiologica nelle farmacie e nei supermercati tuttavia, considerato il loro costo, non proprio contenuto nel caso in cui si preveda di utilizzarle per un periodo di tempo prolungato, consiglio di acquistare le bottigliette di acqua fisiologica, costano meno e durano di più. Il flaconcino può invece essere sostituito con una piccola siringa da privare dell’ago, anche in questo caso acquistabile in farmacia.

Per lavare il nasino si dovrà tenere il bambino sdraiato, con la testa reclinata da un lato; per introdurre l’acqua (in genere ne bastano poche gocce) evitando che possa andargli in gola, si potrà sollevare con dolcezza la punta del naso con un dito. E’ possibile anche fare dei vapori che possano aiutare il muco a sciogliersi; in questo caso, l’ideale è far scendere l’acqua calda nella doccia in modo che si formi del vapore quindi entrare tenendo il piccino in braccio e restarvi per un po’.

Attenzione a non esagerare, pochi minuti sono sufficienti.

Importante è il grado di umidità nell’ambiente perciò, quando necessario, è utile posizionare un umidificatore nella cameretta e, sempre in camera è possibile prevenire il ristagno di muco è possibile rialzare leggermente la testa del bambino rispetto ai piedi; non è assolutamente consigliabile mettere un cuscino direttamente sotto la testa per rialzare, meglio piuttosto mettere un cuscino molto basso sotto il materasso, dalla parte della testa.

Data di pubblicazione: 11/01/2016 
Share:

17 commenti:

  1. Mi sono stampata il tuo articolo, lo porterò a mia sorella, mamma da pochi giorni! Grazie, davvero utile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti tanti auguri a tua sorella! Grazie a te :-)

      Elimina
  2. Ottimo a sapersi, ammetto che molte cose non le sapevo proprio! Consiglierò queste dritte a mia cognata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero le tornino utili... anzi, meglio di no, così vuol dire che non ci sono problemi di naso chiuso :-)

      Elimina
  3. Utilissimo questo post, il mio nipotino ha spesso il nasino chiuso..e ogni volta mia sorella si dispera e lo porta subito dal pediatra.. gli farò leggere questo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero cucciolo, immagino la preoccupazione di tua sorella! Io quando le mie bimbe erano più piccine avevo risolto con i lavaggi frequenti con la siringa e la fisiologica (e l'umidificatore in cameretta) :-)

      Elimina
  4. ma bravissimaaaaa... un post davvero molto utile....
    io ero proprio ignaro dell'esistenza di questi aspiratori nasali...
    grazie
    Klay

    RispondiElimina
  5. Io ho usato sempre la pompetta aspira muco della Chicco e la consiglio vivamente perché costa poco, non da fastidio al bimbo perché il beccuccio che si inserisce nel nasino è sottile ed in morbido silicone ed è facile da pulire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io usavo il Narhinel, poi sono passata ai lavaggi con la fisiologica e la siringa; quello della Chicco non l'ho provato ma da quel che dici è davvero ottimo se non dà fastidio e si pulisce bene. Grazie :-)

      Elimina
  6. Quello della Narhinel ne ho sentito parlare benissimo..devo consigliarlo alle mie amiche..dato che i loro bimbi in questo periodo sono spesso raffreddati a causa delle temperature matte..prima c'è caldo, poi freddo, poi caldo ancora..insomma non si capisce bene..e si beccano sempre l'influenza e hanno il nasino chiuso..un vero fastidio per i bimbi!

    RispondiElimina
  7. un post utilissimo per affrontare al meglio e far star meglio i neonati, grazie dei tuoi consigli!

    RispondiElimina
  8. Non sono ferrata in materia, però è sempre meglio essere pronte per risolvere questi problemini con i più piccini

    RispondiElimina
  9. un articolo dvvero utilissimo io uso spesso soluzione di acqua fisiologica e aspiratore nasale per liberare il nasino dei miei piccoli

    RispondiElimina
  10. Ottimi suggerimenti, quando si tratta di un bimbo piccolo ci si lascia spesso prendere dall'ansia e non si è mai sicuri di fare la cosa giusta.

    RispondiElimina
  11. io ancora ora utilizzo dei prodotti per tener pulito il naso di mio figlio, è molto importante farlo.

    RispondiElimina
  12. Ho una bimba piccola e ti ringrazio per questi utili consigli che mi hai fornito

    RispondiElimina

Lettori fissi